logo nelpaese

MISS TRANS EUROPA: IL CONCORSO PER DIRE STOP ALLE DISCRIMINAZIONI

 

 

 

Due giorni di spettacolo, con 25 trans provenienti da tutta Europa a sfidarsi per la corona di più bella tra le miss. Il televoto ha alla fine premiato la napoletana Siria Piccolo. “Un’emozione grandissima per me, ma un’esperienza importante per tutte noi concorrenti”, spiega la vincitrice, “Un modo per affermare il nostro diritto a una vita senza discriminazioni”.

Un concorso di bellezza come altri: spettacolo, musica, concorrenti agguerrite, l’emozione di amici e parenti dietro le quinte. Eppure Miss Trans Europa è anche qualcosa di più, che va oltre la competizione fra reginette. “ E’ un modo per uscire allo scoperto. Siamo unite e decise a non nasconderci più, vogliamo mostrarci perché non ci vergogniamo di quello che siamo”, sintetizza Loredana Rossi, combattiva presidente dell’associazione Trans napoletane (ATN), tra le promotrici dell’evento. Sulla stessa linea Stefania Zambrano, l’organizzatrice: “Negli ultimi tempi a Napoli le cose vanno un poco meglio”, dice, “ma restiamo in deficit di diritti. Ancora non capisco perché sul mio documento d’identità debba ancora risultare il mio nome maschile di battesimo. E’una umiliazione a ogni controllo, pesante come gli insulti che tante di noi continuano purtroppo a subire in pubblico”.

Lo show che si è svolto il 28 e 29 giugno negli studi del canale televisivo Italiamia a Marcianise è stato trasmesso in diretta nazionale sulla piattaforma Sky. Importante il riscontro di pubblico, oltre tremila persone hanno preso parte al televoto. “E’ importante che manifestazioni come questa vengano sdoganate su canali televisivi sempre più importanti”, dice la Zambrano che auspica per le prossime edizioni “la messa in onda su mediaset o la Rai proprio come per Miss Italia”.

Il concorso ha visto sfidarsi trans di ogni età, provenienti da tutta Italia e da altri Paesi europei. Una competizione tiratissima con le aspiranti miss separate da scarti ridottissimi di voti. Per la cronaca sono state premiate con la fascia di Miss Cinema, Sara Finizio, Miss Sorriso, Paola Conte, Miss Pin Up, Alessia Finizio, mentre è stata premiata come Miss Top model, Marica Casamento. Dopo le eliminatorie all’ultimo step sono rimaste in gara Alessia Lucio, Sara Mauriello e Siria Piccolo che si è aggiudicata il titolo di Miss Trans Europa. “Una bella festa, non credevo di essere premiata vista la bellezza delle altre concorrenti”, racconta la vincitrice, “Per me momenti come questi riscattano la sofferenza che è stata legata alla mia condizione. Gli sfottò, gli sguardi maligni, c’è tanta strada da fare, ma stiamo compiendo importanti passi avanti. Il mio sogno è quello di lavorare in un film, sul genere di Almodovar. Magari con Antonio Banderas”.  

All’iniziativa, a cui hanno aderito anche Arcigay e Arcilesbica Napoli, hanno inoltre partecipato tra gli altri: l’attore Ciro Petrone, tra i protagonisti del film Gomorra, Regina Satoriano, responsabile del Movimenteo italiano transessuale (Mit) Toscana, e Stefania La Gatta, già vincitrice di Miss Trans over 40.

 Dal portale www.napolicittasociale.it

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop