logo nelpaese

DAL MOLISE LA PRIMA CLASS ACTION PER L'ACQUA INQUINATA

I cittadini molisani danno vita alla prima richiesta danni per l'acqua inquinata.  La prima class action italiana e' stata ammessa dal tribunale di Roma, che ha dato il via libera al ricorso presentato da Italia dei Valori, Federconsumatori, Arco Consumatori e Lega Consumatori per l'acqua inquinata nelle tubature dei comuni del Basso Molise, a Natale 2010: ai residenti fu impedito di bere acqua per la presenza di materiali inquinanti. 

 

 

I cittadini riuniti in una azione giudiziaria comune potranno chiedere i danni per l'acqua inquinata presente nei rubinetti. La prima class action italiana è stata ammessa dal tribunale di Roma, che ha dato il via libera al ricorso presentato da Italia dei Valori, Federconsumatori, Arco Consumatori e Lega Consumatori per l'acqua inquinata nelle tubature dei comuni del Basso Molise, a Natale 2010. A causa della presenza di trialometani nell'invaso del Liscione, 80 mila persone dei centri costieri del Molise furono costretti a poter non utilizzare l'acqua delle tubature per diverse settimane. L'azione giudiziaria ammessa riguarda i comuni di Montenero di Bisaccia e di Petacciato, in provincia di Campobasso, che dovranno risarcire i danni ai cittadini che hanno già aderito al ricorso e quelli che lo faranno nei prossimi otto mesi. "Alla fine - sostiene l'avvocato Domenico De Angelis - saranno migliaia le richieste, in attesa che il tribunale, nell'udienza fissata a Marzo 2014, stabilisca la somma da risarcire. La cosa fondamentale - ha concluso il legale - è che da oggi chi gestisce questo bene pubblico non puo' permettersi errori". 

Redazione 

 

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop