logo nelpaese

SOCIO-SANITARIO: IN PIAZZA IL TERZO SETTORE

Alla manifestazione, cui hanno partecipato i rappresentanti di 80 organizzazioni fra associazioni di volontariato, cooperative, utenti che operano nell’ambito degli interventi rivolti a persone disabili, soggetti con disturbi mentali, anziani non autosufficienti e con demenze, erano presenti Gianfranco Alleruzzo, presidente di Legacoop Marche, Amedeo Duranti e Fabio Grossetti, presidente e responsabile regionale di Legacoopsociali Marche. Per la prima volta nelle Marche, un numero così grande di organizzazioni, con un movimento dal basso, ha promosso una manifestazione regionale a sostegno delle esigenze e dei diritti delle persone che necessitano di interventi e servizi.

 

 

 

Legacoop Marche e Legacoopsociali Marche hanno aderito, insieme a numerose cooperative sociali associate, alla manifestazione “Servizi sociosanitari nelle Marche”, promossa oggi davanti alla sede del Consiglio regionale, ad Ancona, dalla campagna “Trasparenza e diritti” per chiedere al Governo regionale e all’Assemblea legislativa il ritiro delle delibere regionali 1011 e 1195. Alla manifestazione, cui hanno partecipato i rappresentanti di 80 organizzazioni fra associazioni di volontariato, cooperative, utenti che operano nell’ambito degli interventi rivolti a persone disabili, soggetti con disturbi mentali, anziani non autosufficienti e con demenze, erano presenti Gianfranco Alleruzzo, presidente di Legacoop Marche, Amedeo Duranti e Fabio Grossetti, presidente e responsabile regionale di Legacoopsociali Marche. Per la prima volta nelle Marche, un numero così grande di organizzazioni, con un movimento dal basso, ha promosso una manifestazione regionale a sostegno delle esigenze e dei diritti delle persone che necessitano di interventi e servizi sociosanitari. L’iniziativa ha ricevuto l’adesione della Fish-Federazione italiana superamento handicap, Faip-Federazione italiana paratetraplegici, dell’Enil Italia-Movimento italiano per la vita indipendente.

Tutte queste organizzazioni, dopo aver atteso per mesi risposte chiare dalla Regione Marche rispetto ai contenuti applicativi delle due delibere regionali di luglio e agosto, ne hanno chiesto oggi il ritiro. In un documento, consegnato ai rappresentanti istituzionali, i partecipanti alla manifestazione dichiarano di rifiutare “la proposta regionale di un modello residenziale che ripropone grandi strutture nel quale la prospettiva economica domina rispetto alla preoccupazione per la qualità di vita con servizi radicati nei territori e l’indicazione, per alcuni servizi diurni e residenziali, di quote a carico di utenti e Comuni superiori a quelle previste dalla normativa nazionale, con il concreto rischio d’impossibilità ad accedere ai servizi essenziali. La tutela della salute è un diritto costituzionale che riguarda tutti i cittadini malati compresi quelli con patologie croniche”. Chiedono “un’applicazione coerente della normativa nazionale sui livelli essenziali di assistenza sociosanitaria, una offerta di servizi non parametrata con riferimento provinciale, ma territoriale, definizione di adeguati standard di personale con tariffe trasparenti, potenziamento del sostegno alla domiciliarità, abbattimento delle liste di attesa nei servizi per le persone non autosufficienti”. Auspicano, quindi, “che la Regione non voglia continuare ad essere sorda alle richieste di tante organizzazioni e persone che chiedono risposte adeguate alle esigenze e diritti delle persone con interventi sostenibili e dignitosi”. I rappresentanti delle organizzazioni hanno incontrato il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, e il presidente dell’Assemblea legislativa, Vittoriano Solazzi, che hanno proposto un incontro, giovedì prossimo, con la V commissione regionale Salute per valutare la possibilità del ritiro delle due delibere regionali.

Redazione Marche

@nelpaeseit

 

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop