logo nelpaese

NAPOLI, MINORI E PERIFERIA: ATTACCO A COOP SOCIALE

Ancora un colpo all'impegno sociale nella periferia napoletana. Un furto ha svaligiato la sede della coop sociale "Il Tappeto di Iqbal" che con il suo circo strappa dalla strada decine di minori nel quartiere a rischio di Barra. Il presidente Giovanni Savino: "atto devastante". Libera Napoli: "tutta la nostra rete sarà compatta nel sostenere la cooperativa"

 

 

La notte tra il 17 e il 18 febbraio 2013 la sede operativa della Coop sociale "Il Tappeto di Iqbal", operante nel quartiere di Barra a Napoli, è stata letteralmente svaligiata. Ignoti si sono introdotti all'interno della struttura ed hanno sottratto mixer, generatore di corrente, stereo, microfoni e registratori. Materiali che la Coop aveva ottenuto solo con grandi sacrifici e con i quali riuscivano a diffondere un messaggio di impegno e di cambiamento non solo a Napoli e in Provincia ma anche nel resto d'Italia.
Il Coordinamento Provinciale di Libera Napoli condanna il vile atto consumatosi ai danni della Coop "Il Tappeto di Iqbal" parte integrante della nostra rete. Il lavoro di tutta la Cooperativa è fondamentale e non solo per il territorio di Barra. Libera Napoli è al fianco di Giovanni Savino, presidente della Coop, e di tutti i ragazzi che con coraggio ed entusiasmo portano quotidianamente, con le proprie forze, un po di bellezza. 

"Se gli autori di questi gesti credono di fermare o di intimidire il processo di cambiamento, si sbagliano di grosso - ha dichiarato Antonio D'Amore referente provinciale di Libera Napoli - la nostra rete si compone anche della Coop Sociale "Il Tappeto di Iqbal" e quindi tutta la rete sarà compatta nel sostenere le sue attività e i ragazzi che in essa si spendono con generosità e autenticità. In programma ci sono molte cose e saremo pronti ad attivare una cordata di solidarietà per gettare nell'oblio il vile atto"

Il Tappeto di Iqbal


Giovanni Savino, giovane presidente della coop sociale Il Tappeto di Iqbal, ha manifestato tutta la sua rabbia: "Mixer, Microfoni, generatore di corrente, telecamera, registratore video proiettore sono peggio di una pallottola trovata sull'uscio di casa! con mio fratello bruno ne abbiamo subite di questo tipo e siamo andati avanti. Un pulmino devastato, preso a sassi, vetri frantumati, gomme con coltelli, un campanello della porta d'ingresso distrutto e i cartelli del tappeto di iqbal incendiati. Non abbiamo mai fatto troppe urla per questo, sappiamo a cosa si va incontro se si pretende di vivere una vita normale e sorridere tutti i giorni sguazzando nella merda, nei sacrifici, nel conto in rosso, in una vita senza un privato, senza figli, stentare sempre con la testa alta nell'interesse di tanti giovani che hanno affidato la propria speranza a in noi. Ora non riesco a sorridere. Non sorrido perchè hanno attraversato un interno istituto, non hanno toccato nulla ma con cura hanno cercato solo la piccola stanza del tappeto di Iqbal da cui hanno portato via tutto ciò che ci permetteva in estate di proiettare film in strada e offrire momenti di allegria a persone, bambini, anziani di una zona abbandonata dalle istituzioni". 

I precedenti

I primi due mesi di questo 2013 hanno registrato diversi attacchi e intimidazioni alle coop sociali che lavorano nella periferia. Il più grave è stato inferto alla coop sociale L'Uomo e il legno di Scampìa il 14 gennaio scorso:  sottratti 4 computer, schermo al plasma, ovunque segni di vandalismo forzate e rotti tutti i cancelli e le porte rubati gli strumenti di lavoro della cooperativa artigiana di falegnameria. Questo furto segue uno subito tre settimane prima che aveva causato minori danni. Lecito chiedersi il perché di questo accanimento "vogliono renderci impossibile lavorare e produrre lavoro, è un attentato all'attività sociale e solidale", fu il commento del presidente della cooperativa Vincenzo Vanacore. 

La periferia di Napoli vive un momento di forti tensioni sociali per l'alta dispersione scolastica, per le percentuali di disoccupazione e per la criminalità diffusa. Al prossimo governo e, soprattutto, all'Amministrazione comunale di Luigi de Magistris tocca il compito di intervenire con progetti concreti, partendo dal sostegno delle coop sociali e dell'associazionismo impegno sul territorio.

Giuseppe Manzo

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Twitter: @nelpaeseit

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop