logo nelpaese

TRENI, BIGLIETTI ON LINE: IMPOSSIBILE PER I NON VEDENTI

Servizio inaccessibile sui siti di Trenitalia e Italo. Imbarazzo da parte delle due aziende

 

 

Fare un biglietto del treno via Internet è ormai facilissimo per chiunque, o  quasi. Già, perché se sei non vedente e vuoi prenotare un viaggio suwww.trenitalia.it o www.italotreno.it le cose si complicano parecchio, e l’impresa diventa pressoché impossibile o per lo meno troppo complessa per valerne la pena. I siti internet dei due operatori che si dividono i clienti dei treni italiani infatti sono scarsamente – o in alcuni casi per nulla accessibili per chi utilizza uno screenreader, ovvero un programma che trasforma in voce sia quello che si scrive sia quello che compare sullo schermo del computer.

Ma entriamo nei dettagli: se una persona non vedente vuole acquistare un biglietto sul nuovo sito  di Trenitalia (la vecchia versione era infatti molto più accessibile), già inserire i nomi delle stazioni diventa un problema: infatti, ipotizzando di voler fare un viaggio da Venezia a Firenze, non si può scrivere semplicemente il nome delle due città, ma bisogna scrivere esattamente Ve. Mestre e Firenze S.M. Novella. Per chi ci vede, invece, appena si inizia a digitare, compare una lista con le possibili stazioni: un clic del mouse o un tocco sul touchscreen e il gioco è fatto, ma non per chi usa un lettore di schermo. E i problemi aumentano se si vuole inserire la data di partenza: mentre nel form presente sulla vecchia versione del sito la data veniva sempre presa correttamente, con la nuova versione molto spesso risulta impossibile farla accettare dal sistema. Perché? Perché evidentemente il nuovo design del calendario utilizza una grafica difficilmente interpretabile dagli screenreader.

Ipotizziamo però di riuscire a inserire correttamente la data, che con qualche sforzo a volte ci si riesce: si preme il pulsante ‘cerca’ e si passa alla schermata successiva. La prima brutta sorpresa è che, se si voleva prendere un treno regionale, questo non compare nelle soluzioni proposte, perché bisognava – dalla home page – selezionare il link “tutti i tipi di treno”. Già, infatti di default Trenitalia fa scegliere ai suoi utenti solo gli Intercity o le “Frecce”, ovvero i treni ad alta velocità. Ma in questo caso i non vedenti non sono i soli a rimanere spaesati, perché la cosa riguarda anche gli utilizzatori normodotati del sito.
 
Ma soprassediamo anche su questo: diciamo che vogliamo scegliere uno dei treni proposti, e che la persona non vedente voglia pagare con le tariffe riservate ai privi della vista, le cosiddette concessioni speciali III che danno diritto a sconti. Anche la scelta di tali concessioni risulta difficoltosa se non impossibile per un’errata etichettatura dei link e dei pulsanti appositi e per una generale pesantezza del processo per la selezione, e la cosa è per lo meno paradossale. Poi in teoria ci sarebbe la possibilità di scegliere anche il tipo di posto, selezionandolo direttamente da una rappresentazione grafica della carrozza, ma la soluzione presente sul sito è totalmente inutilizzabile per chi non vede. E pensare che nella versione precedente del sito di Trenitalia si poteva semplicemente indicare il numero della carrozza e il numero del posto vicino al quale si voleva sedere; certo, forse di meno impatto grafico ma sicuramente più accessibile.
 
Procedendo al riepilogo del biglietto e al pagamento, l’interfaccia del sito presenta ancora problemi di scarsa accessibilità, questa volta soprattutto per chi usa computer della Apple. Per non dilungarci basta dare solo un esempio, il pulsante che ci permette di effettuare il pagamento è praticamente impossibile da riconoscere con Voiceover, il lettore di schermo montato sui Mac. Insomma, se per comprare un biglietto invece di impiegarci cinque minuti, un non vedente deve perderci mezz’ora, è lapalissiano che il gioco non vale la candela.

Ma allora, qualcuno potrà dire, almeno per le tratte in cui Trenitalia ha la concorrenza di Italo, perché non rivolgersi ai servizi offerti dall’ultima arrivata, la Nuovo Trasporto Viaggiatori? La risposta è sconcertante nella sua semplicità: perché il sito internet dei treni Italo non è accessibile, e non permette l’acquisto di biglietti da parte di persone non vedenti: in particolare non si può gestire il calendario, e quindi non si può scegliere quando si vuole partire e i pulsanti per la selezione del treno e per il pagamento non sono riconosciuti dagli screenreader, in breve un totale disastro.

Quali le alternative dunque, per chi non vede? Per quanto riguarda Trenitalia, posto che non si voglia andare direttamente in stazione, c’è un link che porta alla vecchia versione del sito e che è http://www.ferrovie.it/ferrovie/home.php. Tale link però non è assolutamente indicato sul sito di Trenitalia, quindi o una persona lo conosce o non c’è modo di trovarlo. E per Italo? Si può chiamare il numero 060708 e farsi aiutare da un operatore a fare il biglietto, ma la telefonata è a pagamento e comunque non si capisce perché un non vedente non debba essere, come chiunque altro, in grado di acquistare un biglietto in autonomia.
 
Cos’hanno da dire a propria discolpa i responsabili dei due operatori? Marco Mancini, addetto stampa di Trenitalia, spiega: "Siamo consapevoli dei problemi che gli utenti non vedenti riscontrano. “E' accaduto che, con il lancio del nuovo sistema di vendita (Pico) abbiamo introdotto nuove funzioni evolute in grado di migliorare e arricchire l'approccio e l'uso del sistema da parte dei nostri clienti. Queste funzioni, a volte, potrebbero non coniugarsi perfettamente con alcuni sistemi di navigazione semplificata. In collaborazione con la Dsi (Direzione Sistemi Informatici) di Trenitalia – aggiunge Mancini - trascorso un adeguato periodo di assestamento del nuovo sistema, abbiamo già avviato con il fornitore un'attività di verifica e intervento sull'accessibilità. Proprio per dare una puntuale ed efficace risposta ai problemi sollevati.

“Intanto – conclude - stiamo lavorando alla realizzazione di un accesso semplificato al ticketing, basato sulla piattaforma precedente che, essendo privo di funzioni evolute, è quindi maggiormente "compatibile" con questi sistemi di lettura utilizzati dai clienti non vedenti”. La domanda, che resta senza risposta, è però d’obbligo: se c’è un link che porta a una versione già accessibile del sito, cosa si intende quando si dice stiamo lavorando? Non sarebbe più rapido semplicemente indicare, sulla home page di Trenitalia, il link che porta a tale versione accessibile?

E cosa rispondono da Italo? Dopo un’iniziale stupore sul fatto che un non vedente possa usare un computer in autonomia per navigare in internet, il loro addetto stampa Mario Taliani spiega: “per quanto riguarda l’accessibilità ancora non siamo attrezzati. Il nostro sito è ancora in via di ottimizzazione, e renderlo più accessibile rientra comunque negli sviluppi futuri che abbiamo programmato. Bisogna però tener conto che siamo online da appena un anno”.

Al lettore l’ardua sentenza sull’avverbio utilizzato: è appropriato dire “appena un anno” o forse sarebbe meglio dire “già da un anno” e aggiungere, “e per quanto riguarda l’accessibilità siamo ancora a zero”? In conclusione, entrambe le compagnie si impegnano a migliorare la situazione, ma c’è da chiedersi quanto tempo dovrà passare prima che i non vedenti potranno anche loro acquistare i biglietti in maniera semplice e veloce come chiunque altro.

Redazione (Fonte: Redattore Sociale)

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop