logo nelpaese

ITACA: PORTE APERTE ALLE IDEE

Itaca coop sociale e e il suo Fab, incubatore d'impresa aperto ai nuovi progetti (giovani)

 

 

Fab ha avviato oggi, nella sede centrale della Cooperativa Itaca a Pordenone, la fase di valutazione dei progetti, a breve la Coop sociale friulana renderà noti quali saranno quelli che entreranno nel mercato. Dopo tre mesi di intenso lavoro, si è chiusa il 9 gennaio la prima “Village Academy” di Fab, il generatore d’impresa sociale lanciato da Itaca per celebrare il Ventennale di fondazione. A valutare i progetti consegnati definitivamente nei giorni scorsi dalle fabers, la direzione strategica allargata di Itaca, che dovrà pronunciarsi anche sui video di presentazione, sugli emotional talk delle progettiste nonché sui business & social plan presentati.

Dopo un primo screening dei prodotti progettuali, gli stessi sono stati inviati ai mentor ed oggi è stata avviata la direzione strategica allargata per la valutazione di tutti i prodotti alla presenza di Paolo Venturi, direttore di Aiccon (Associazione italiana per la promozione della cultura della Cooperazione e del Nonprofit), ente partner di FAB.

Grazie all'accompagnamento di professionisti interni alla Cooperativa sociale Itaca o alla sua ampia rete di contatti, i Faber che avevano superato la prima selezione di settembre hanno potuto limare e perfezionare la propria idea, definirla in un progetto e valutarne tutti i punti di forza e le aree su cui lavorare.

Un'ultima giornata di “coaching” (con cui si è fatto il punto su un'altra parte centrale della Academy, ovvero il percorso di empowerment personale), ancora qualche occhiata al “Business & Social Plan” e ultimi ritocchi all'“Emotional Talk” (il video breve di presentazione con cui ogni Faber presenta il proprio progetto).

Da oggi si apre infatti la fase di valutazione, che porterà una parte dei progetti all'interno dell'incubatore vero e proprio, quando dall'idea si passerà al mercato. Quali sono le tappe che segneranno questo percorso?

Dopo un primo briefing della direzione strategica Fab, i Faber incontreranno a Pordenone (in un evento particolare che verrà annunciato a giorni) gli stakeholder territoriali di riferimento: un momento importante durante il quale racconteranno a possibili investitori e partner istituzionali a che punto sta la loro idea di impresa a impatto sociale. Un'occasione importante anche per FAB, che avrà modo a sua volta di raccontare i suoi primi 6 mesi di vita.

A fine mese, verranno resi pubblici i risultati della Academy e di questa selezione finale.

Nel frattempo, è aperta la “call” per il secondo ciclo di FAB: c’è tempo fino al 15 febbraio per tirare fuori dal cassetto quell’idea di impresa covata da tanto ma mai realizzata. Tutte le info sul sito Fab: www.i-fab.it.

Fab! è un progetto della Cooperativa Itaca che gode della collaborazione di Dof Consulting e del supporto di diversi partner, fra cui l’Università degli Studi di Trento nella persona del prof. Luca Fazzi, di Aiccon (Associazione Italiana per la promozione della Cultura della Cooperazione e del Nonprofit) nella persona del suo direttore Paolo Venturi, Dmav. Dalla maschera al volto – Social Art Ensemble, Provincia di Pordenone e Comune di Pordenone. Tra i partner recentemente si è aggiunta la Fondazione Crup che finanzierà sei borse di studio per l’intera durata del progetto. Ne potranno usufruire i progetti selezionati dall'Academy, il prezioso intervento della Fondazione farà in modo che i progetti che hanno superato la seconda fase di Fab possano concretizzarsi in impresa e/o rami d'impresa.

Redazione

 

 

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop