logo nelpaese

BUBBICO: RENDERE PRODUTTIVI I BENI CONFISCATI

La visita in Sicilia del viceministro dell'Interno. Dal centro culturale di Altavilla all'agriturismo di Portella della Ginestra fino alle cooperative dei comuni del corleonese, il tour dell'esponente del governo Letta insieme ai dirigenti locali e nazionali di Legacoop: "Solo mettendoli a valore sipuò combinare la dimensione simbolica della restituzione alla collettività dei patrimoni illeciti con quella sociale, garantendo cosi importanti opportunità di lavoro".

 

 

 

Beni, terreni e aziende confiscati alle mafie possono essere occasione di lavoro e produttività. Ne è convinto il viceministro dell'Interno Filippo Bubbico dopo il suo tour in Sicilia: ''Occorre alimentare la dimensione produttiva dei beni confiscati, rivedendo alcune criticità. Solo mettendoli a valore si può combinare la dimensione simbolica della restituzione alla collettività dei patrimoni illeciti con quella sociale, garantendo cosi importanti opportunita' di lavoro nei tempi più veloci possibili''.

Il viceministro ha visitato centro culturale 'Cambio rotta', in un immobile sequestrato al boss Salvatore Geraci. La villa sul mare, di 1500 metri quadrati, è stata affidata al consorzio Ulisse che conta 18 cooperative, e ha goduto di un primo finanziamento di 20 mila euro da parte di Unicredit. Il progetto, a lungo termine, è di trasformare lo spazio in ostello. ''Attualmente funziona come centro culturale polivalente, dal prossimo anno vorremmo ospitasse una scuola di cucina mediterranea - ha detto Davide Ganci, presidente del consorzio - L'idea è di rendere la villa funzionale per nove mesi l'anno''. Quella ad Altavilla Milicia è solo la prima tappa di un tour nei luoghi dell'antimafia in provincia di Palermo da parte di Bubbico: visiterà l'agriturismo di Portella della Ginestra, sarà a Piana degli Albanesi per un pranzo di lavoro con i soci e con i presidenti delle cooperative che gestiscono beni confiscati e con i rappresentanti del Consorzio Sviluppo e Legalità dei comuni del Corleonese; a San Cipirello visiterà la Cantina Cento Passi del Consorzio Libera Terra. ''Sarebbe necessario istituire un fondo di rotazione per dotare di capitali iniziali le cooperative che hanno in gestione il bene - propone Bruno Busacca, responsabile Relazioni istituzionali di Legacoop - attingendo al fondo giustizia. Un contribuito che verrebbe restituito dalle coop una volta superata la fase iniziale, spesso la più difficile''. Con il ministro sono presenti il questore Nicola Zito, il presidente di Legacoop Sicilia, Elio Sanfilippo e Filippo Parrino, presidente di Legacoop Palermo.

Redazione

@nelpaeseit

 

 

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop