logo nelpaese

BENI CONFISCATI: IL 70% NON UTILIZZATO

Parte la carovana antimafia 2013: quest'anno inizia dal Social Forum di Tunisi. Ecco alcuni dati diffusi dagli organizzatori: il 70% dei beni confiscati su un totale di circa 13mila resta non utilizzato. La criminalità organizzata sottrae ai cittadini onesti 500 miliardi di euro tra corruzione ed evasione fiscale.

 

 

Oltre il 70% dei 12.946 beni confiscati alle mafie al 7 gennaio 2013 hanno delle criticità che ne impediscono il riutilizzo immediato come risorsa per l'economia del Paese. Il dato è stato al centro del dibattito nell'ambito della conferenza di presentazione della Carovana Antimafie 2013 che si è tenuta ieri mattina a Roma. La carovana è  promossa da Arci, Libera e Avviso Pubblico. Partirà il 30 marzo dal Forum Sociale Mondiale a Tunisi, per raggiungere dopo 70 tappe italiane

Andrea Campionati, presidente di Avviso Pubblico, ha ribadito l'importanza di “aggredire in maniera seria e convincente beni mafiosi e l'evasione fiscale”, in particolare “in un momento di crisi in cui mafie con la loro disponibilità di denaro liquido possono maggiormente infiltrare la società”. Luciano Silvestro della Cgil ha affermato che “è urgente che si faccia uno scatto nell'azione dell'Agenzia per i Beni Confiscati alle Mafie” in quanto attualmente è sottodimensionata, mentre “i beni confiscati alla mafia possono essere risorse contro la crisi se reimmessi nell'economia reale dopo amministrazione giudiziaria" . Anna Canepa, procuratore della Direzione nazionale Antimafia ha spiegato come oggi l'agenzia sia “solo un'etichetta che deve essere riempita” perché manca una legislazione adeguata. 

In particolare, in riferimento a quella categoria di beni confiscati alle mafie che sono le aziende -1708 ad oggi, di cui 1211 in gestione e 497 uscite dalla gestione - Tonio Dell'Olio, responsabile di Libera Internazionale ha espresso l'opinione di chi ha a che fare con questi beni: “Siamo stanchi di sentirci dire dagli operai che lavoravano nelle aziende sequestrate "Si stava meglio con i mafiosi"". Dell'Olio ha evidenziato l'urgenza di affrontare il dramma di aziende che improvvisamente si ritrovano “senza fornitori e senza finanziatori” , anche “iniziando un discorso con le banche” e creando norme che impediscano in particolare “l'espediente dei clan malavitosi di sottoporre a ipoteche i beni per non farli toccare”. 

Come esempio di buon uso di beni sequestrati alla mafia, alla conferenza è stato presentata una società molto particolare: La squadra “Nuova Quarto Calcio per la Legalità” che apparteneva al clan camorristico dei Polverino e dopo esser stata sottratta alla camorra è stata affidata alle associazioni antiracket. Da veicolo di consenso sociale per le mafie è oggi diventata un simbolo di riscatto per la società civile. A rappresentarla sono intevenuti l’allenatore Ciro Amorosetti, l’amministratore giudiziario Luca Catalano e il bomber Roberto D’Auria

 

La mafia sottrae 500 miliardi ai cittadini onesti

 

Appartengono a diversi settori della criminalità e provengono da diverse fonti i dati che hanno portato alla stima dei 500 miliardi, da parte del gruppo di lavoro della Carovana Antimafia, come cifra indicativa del furto di mafia, corruzione e evasione fiscale ai danni dei cittadini onesti: 10 miliardi di euro è il valore stimato dei profitti illegali in agricoltura; 3 miliardi il business delle zoomafie; 6,7 miliardi è il fatturato della contraffazione, che sottrae anche 110.000 posti di lavoro regolari, 60 miliardi sono sottratti in Italia dalla corruzione che aumenta anche del 40-50% il costo delle opere pubbliche; il fatturato delle ecomafie è di 9,4 miliardi di euro e 160.000 sono le imprese commerciali soggette a estorsione; l'ampiezza dell'economia sommersa è tra i 255 e i 275 miliardi di euro; il fatturato delle mafie italiane è valutato tra i 150 miliardi di euro stimati dalla Commissione parlamentare antimafia e i 25,7 miliardi calcolati da Transcrime.
 
“Chiediamo il rilancio delle buone norme di contrasto alla mafia”, ha sottolineato nella conferenza di presentazione Alessandro Cobianchi dell'Arci, coordinatore della carovana, “e per questo siamo a fianco una parte importante dell'Antimafia, quello giudiziaria”. E' poi intervenuta Anna Canepa, procuratore della Direzione nazionale antimafia e vice presidente dell’Associazione nazionale magistrati, affermando come “la magistratura è aiutata da iniziative come la carovana, che porta consapevolezza e conoscenza” e come in un momento di crisi economica, in cui “l'unico settore che non conosce crisi è proprio la criminalità che ha necessità reinvestire denaro liquido”, sia fondamentale “fare conti in tasca alle mafie”, per poterle seriamente ostacolare.

Redazione 

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop