logo nelpaese

SOCIO-SANITARIO: INCONTRO SUL FUTURO DEL WELFARE

Gesco organizza una tavola rotonda sulle prospettive dell’integrazione socio-sanitaria. Si chiama “Opportunità e vantaggi dell’accoglienza e della presa in carico delle persone fragili”: “nel  futuro del welfare cittadino dei prossimi anni, la riorganizzazione del sistema dei servizi per rispondere ai bisogni di cura della popolazione e delle comunità è un elemento essenziale”

 

 

 

Lunedì 16 dicembre 2013 alle ore 9.30, alla Stazione Marittima di Napoli (sala Dione-Elettra), dal gruppo di imprese sociali Gesco promuove la tavola rotonda “Opportunità e vantaggi dell’accoglienza e della presa in carico”. Nell’incontro si discuterà del modello dell’integrazione socio-sanitaria come scelta strategica sul piano istituzionale e professionale. Si tratta, infatti, dell’unico approccio in grado di promuovere un’accoglienza unitaria della persona e capace di dare risposte ai  bisogni complessi del cittadino non adeguatamente affrontati dai sistemi di risposte separate sanitarie e sociali.

Nel  futuro del welfare cittadino dei prossimi anni, la riorganizzazione del sistema dei servizi per rispondere ai bisogni di cura della popolazione e delle comunità è un elemento essenziale per garantire l’efficacia degli interventi, il contenimento dei costi e la sostenibilità del sistema. Un’esperienza concreta di integrazione possibile è il caso dei servizi psico-sociali e di riabilitazione della Asl Napoli 1 Centro realizzata grazie all’esperienza consolidata e alla volontà  dei principali soggetti attori di questo processo: l’Azienda Sanitaria Locale Napoli 1 Centro, l’Amministrazione Comunale della Città di Napoli e il Terzo Settore. Molto c’è ancora da fare, ma il tentativo è quello di condividere i risultati finora raggiunti con tutta la città.

Alle 9.30 è prevista la registrazione dei partecipanti; alle 10.00 ad aprire i lavori sarà l’attrice Rosaria De Cicco con l’interpretazione della “Storia di Antonella”. La tavola rotonda, dopo i saluti del direttore Generale Asl Napoli 1 Centro Ernesto Esposito, sarà introdotta dal dirigente del gruppo di imprese sociali Gesco Sergio D’Angelo e dalla referente monitoraggio e valutazione Studio Erresse Vittoria Musella. La prima sessione prevede interventi di: Vito Villani, direttore Dipartimento Salute Mentale Asl Napoli 1 Centro; Mario Scognamiglio, direttore Dipartimento delle Fragilità Asl Napoli 1 Centro; Stefano Vecchio, direttore Unità Operativa Complessa Dipendenze Asl Napoli 1 Centro; Lorenzo Acampora, direttore Unità Operativa Complessa della salute negli istituti penitenziari Asl Napoli 1 Centro; Rosanna Romano, direttore generale Politiche sociali Regione Campania.

Nella seconda sessione dal titolo “Esempi di buone pratiche di lavoro tra pubblico e privato” coordinata dalla dirigente Unità Organizzativa Politiche Sociali e Sanitarie Formez Silvia Boni, si avvicenderanno: Marina Rinaldi (Unità Operativa dirigenziale Interventi socio-sanitari Regione Campania), Pina Colosimo (Consorzio Solco), Giulietta Chieffo (Programmazione Sociale e Politiche di welfare Comune di Napoli), Franco Buccino (Associazione Auser Campania), Peppe Pennacchio (Gruppo di imprese sociali Gesco), Salvatore Petrucci (Unione Nazionale Italiana Volontari Pro-Ciechi), Giovanni Grasso (Consorzio Prodos), Vittorio D’Alterio (direzione Servizio Umanizzazione Asl Napoli 1 Centro). Alle 12.30 è prevista la chiusura dei lavori; a seguire pranzo in compagnia dei partecipanti e di tutti i presenti. Si rilascia attestato di partecipazione.

Redazione Campania

@nelpaeseit

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop