logo nelpaese

LE 15 CANDELINE DI BANCA ETICA

 

 

Se viviamo nell’epoca delle candele e vogliamo un’illuminazione migliore, allora dobbiamo modificare il nostro strumento. E ci mettiamo di conseguenza a studiare candele più grosse, con lo stoppino che brucia meglio, con profumazioni più accattivanti, con il fuoco sulle due estremità, con cera potenziata, e così via. In questo modo progrediamo verso un’illuminazione migliore. E qualche risultato lo otteniamo. Ma un miglioramento effettivo lo otteniamo con una lampadina, non con una candela. E una lampadina non la otteniamo migliorando una candela. Una lampadina è un salto di tecnologia rispetto alla candela. Un cambio del paradigma logico. Un’innovazione che incide.

Cosa occorre fare per passare da una candela ad una lampadina? Per prima cosa occorre capire che la candela non va più bene. E già questo è un compito non facile. Poi occorrono persone giovani, curiose verso paradigmi diversi. Poi serve coraggio e poca paura di perdere tempo, perché nel periodo che va dalla candela alla lampadina ci sono un sacco di tentativi non riusciti e delusioni. Occorre andare a prendere idee da campi lontani. Miscelare sensibilità ed esperienze raccolte in ambiti insoliti. Curiosità! Altrimenti non viene in mente a nessuno che con l’elettricità si possono accendere le lampadine (oggettivamente non facili da immaginare ex novo).

Nel campo della banca siamo alla candela o alla lampadina? Le persone che dedicano tempo a Banca Etica pensano che il sistema sia sostanzialmente ancora alla candela. Ossia che il sistema sia fermo su paradigma che è opportuno superare. Banca Etica ha trovato un nuovo paradigma? E’ un salto in avanti marginale o importante? Molti pensano convintamente che il paradigma nuovo proposto sia importante. Altri pensano che occorra lavorare con più insistenza in questa direzione. Di sicuro sono stati 15 anni di impegno in questa direzione.

Mi è stato fatto notare che per mettere a punto una lampadina che ancora non esiste la cosa peggiore che si può fare è coinvolgere un esperto di … candele ! Verissimo !! Ne sono sempre stato abbastanza consapevole e spero lo siano anche gli altri esperti di candele imbarcati sul progetto.

Giulio Tagliavini - Professore di Economia degli intermediari finanziari all'Università di Parma e componente del Consiglio di Amministrazione di Banca Etica (dal blog di Banca Etica)

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop