logo nelpaese

AGRICOLTURA ED ECONOMIA GREEN: VANDANA SHIVA A TERRA FUTURA

L’agricoltura può essere oggi un’importante alleata per affrontare le attuali sfide ambientali e sostenere lo sviluppo di un’economia green. È tra i messaggi emersi da Terra Futura, mostra convegno delle buone pratiche di sostenibilità ambientale, economica e sociale tenuta alla Fortezza da Basso di Firenze dal 17 al 19 maggio.

 

 

 

A Terra Futura ha fatto tappa la “Campagna globale sulla libertà dei semi” di Vandana Shiva, la più autorevole teorica  dell’ecologia sociale: l’iniziativa è promossa da Navdanya International, di cui la scienziata indiana è fondatrice, in collaborazione con la Regione Toscana (la prima ad aver sancito con legge la proprietà collettiva sulle varietà locali, tutelandole dai brevetti delle multinazionali) e Banca popolare Etica, in virtù di una collaborazione avviata nel 2012 proprio a Terra Futura. La campagna intende rendere maggiormente consapevoli le persone, comunità, istituzioni e governi sul grave rischio per il futuro della sicurezza alimentare del pianeta, in pericolo per la scomparsa dei semi locali e, dall’altro lato, per la proliferazione di brevetti e leggi che favoriscono monocolture, monopoli, e privatizzazioni.

A rafforzare la collaborazione tra l’associazione e la banca c’è ora anche un protocollo, presentato proprio stamattina a Terra Futura, che ha l'obiettivo di consolidare alleanze per salvare i semi, la biodiversità, i diritti degli agricoltori di autoprodurre e scambiare le sementi, per puntare a sistemi agricoli basati sulla sovranità alimentare, in armonia con la natura.

E ancora, a Firenze si sono riuniti gli esperti internazionali del gruppo di lavoro sulla “Legge del seme”, sotto la guida della Shiva: chiedono di rimettere al centro dei sistemi scientifici e giuridici delle norme sementiere le leggi biologiche ed ecologiche della natura, come la diversità e l’adattamento. Principi che vanno in netto contrasto con aziende, come la Monsanto, che hanno plasmato la legge globale sulle proprietà intellettuali e sui brevetti, perché hanno definito i semi come una loro creazione e invenzione, impedendo così agli agricoltori di autoprodursi le sementi, in violazione del diritto pubblico dei beni comuni.

«La nostra legge del seme mira a cambiare il paradigma attuale – spiega Vandana Shiva -. Esiste una normativa a livello europeo che impedisce agli agricoltori di usare i propri semi e infrange, quindi, la sovranità del seme. L'unico modo per proteggere gli agricoltori e i posti di lavoro e tutelare la diversità e il cibo, è lottare per la sovranità delle sementi». Un’altra campagna promossa dalla Shiva è “Giardini della speranza”: è rivolta ai più piccoli e li invita a prendersi cura delle piante, a coltivarle, a partire dai semi, che devono diventare i “semi della democrazia”.

Anche Legambiente sottolinea la necessità di una nuova agricoltura, che si contrapponga al modello attuale nato nel secolo scorso: un modello all’insegna della chimica di sintesi, della selezione genetica, degli allevamenti industriali e della meccanizzazione agricola, che ha sì garantito cibo a buon mercato, ma al prezzo di un’industrializzazione forzata, di squilibri ambientali e sociali a discapito del benessere dei cittadini. Per superare questo sistema, che ha provocato l’impoverimento del suolo e degli ecosistemi, i cambiamenti climatici, una minore disponibilità delle acque di falda e di superficie, la deforestazione, la perdita dei sapori, la contaminazione dei cibi, la diffusione di virus e batteri resistenti, Legambiente propone il “Manifesto della nuova agricoltura”, presentato anch’esso oggi a Terra Futura. «Chiediamo che diventi predominante un nuovo modello di agricoltura, per altro già all’opera, praticata da molti agricoltori italiani ed europei attenti ai processi naturali e alla complessità e specificità locale degli ecosistemi, e capaci di innovare, sperimentando nuove tecnologie e anche attingendo agli antichi saperi della cultura rurale – afferma Beppe Croce, responsabile agricoltura di Legambiente -. È questa l’agricoltura che può destare impegno professionale e passione nei giovani, riportandoli a questo antico mestiere, e creare le premesse per nuovi rapporti internazionali. Anche per tali motivi, deve ottenere un adeguato riconoscimento da parte della politica europea, che oggi tende a sostenere il modello iniquo e superato che favorisce la rendita del fondo, destinandogli circa metà del bilancio dell’Unione».

Quali i punti chiave per un’agricoltura che tuteli e rispetti l’ambiente? Occorre diminuire le sostanze chimiche inquinanti e/o pericolose per la salute, ridurre i consumi energetici, favorire il sequestro di carbonio e aumentare la fertilità del suolo, prelevare quantità minori di acqua superficiale e di falda, contribuire alla stabilità idrogeologica del suolo. E ancora, ridurre le emissioni da trasporto privilegiando la filiera corta e la vendita diretta, e sostituendo il gasolio delle macchine agricole con biodiesel e oli vegetali, diminuire la produzione dei rifiuti e valorizzare la biomassa. Il rispetto di questi criteri ambientali costituisce la premessa per un cibo sano, libero da inquinanti e sicuro. Importanti anche la cura del benessere animale, la trasparenza sull’origine e la qualità della filiera alimentare, la certificazione dei processi e dei prodotti, la promozione dell’agricoltura in città (ad esempio gli orti sociali) e il recupero delle terre incolte. Infine, sono fondamentali la tutela del lavoro e il rispetto della legalità, perché se non sono garantiti resta difficile tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini: secondo stime della Cgil, infatti, sono oltre 400mila i lavoranti sfruttati ogni anno illegalmente nelle campagne italiane e, secondo il rapporto Ecomafia di Legambiente, ammonta a oltre un miliardo di euro il valore di merci e beni sequestrati nell’agroalimentare nel solo 2011.

Redazione

@nelpaeseit

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop