logo nelpaese

IN VENETO UN NUOVO POLIAMBULATORIO PER LA "FILIERA SOCIALE"

Si inaugura "Castel Monte Salute", un poliambulatorio che si occupa del benessere e della salute delle persone.  “In una dimensione di filiera del sociale, questa è l'idea della Castel Monte, si possono dare risposte alle nuove domande di welfare sociale e sanitario delle persone e delle famiglie. Una filiera che ascolta ed opera. Che valorizza il contributo dei cittadini, delle organizzazioni ed associazioni del non profit”.

 

 

 

Verrà inaugurato sabato 25 gennaio, a Castelfranco Veneto (Borgo Treviso, 164/E), il nuovo centro di medicina "Castel Monte Salute" dell'omonimo gruppo cooperativo, presieduto dal dottor Giuseppe Possagnolo . E', questa, una nuova e moderna struttura che si occuperà del benessere e della salute delle persone. Lo farà mettendo insieme professionisti ed esperti di sanità, con una nuova e diversa attenzione alle persone. Sarà infatti curata molto la capacità di ascolto e la qualità della risposta, che sarà, sempre e comunque, specifica e personalizzata per ciascuno.

Con questo si risponde e si cerca di attuare in concreto le indicazioni e raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), che invita ad occuparsi sempre di più della persona, prima che delle sue malattie. Questo Centro di Medicina è un'altra delle risposte sull'impegno, che da tempo il Presidente della Caste Monte, Giuseppe Possagnolo, indica, come prioritario per il Gruppo, per rispondere alla nuova domanda ed esigenza di "welfare community". L'idea del Gruppo è quella di organizzare delle "filiere di welfare" che siano adeguate alla domanda di benessere .

La "filiera" di Castel Monte, oltre a questo centro, è attiva con la fattoria sociale “El Contadin" di Castelfranco Veneto. Questa, oltre ad essere luogo di aggregazione sociale, è anche un luogo dove si possono trovare i prodotti agricoli e artigianali fatti dai soci, con disabilità diverse, come progetto di avvio al lavoro. Inoltre, vi è la sede dell'unica bottega della provincia e del Veneto: "Sapori e saperi della legalità", dove è possibile acquistare i prodotti agricoli, coltivati dalle cooperative sociali di giovani, nell’ambito del progetto “Libera Terra", gestito da “Libera. Associazioni,nomi e numeri contro le mafie”.

Queste cooperative gestiscono e coltivano sui terreni confiscati alle mafie.  Un altro anello della filiera si trova a Cavaso del Tomba, con la casa di accoglienza per persone disabili. Nella stessa, l'associazione "Un puzzle per la vita" gestisce un Centro Riabilitativo di avanguardia per bimbi con paralisi cerebrale infantile. Questi pazienti, fino a poco tempo fa, per fare le loro terapie, si dovevano recare a Salerno.

Sempre a Castelfranco, aggregata al Centro di Medicina, c'è la struttura territoriale di "Castel Monte famiglia”, specializzata per fornire soluzioni ai bisogni di assistenza, sanità e accudimento delle persone, con particolare attenzione ad anziani, bimbi e disabili di vario tipo. Vi sono, inoltre, due case alloggio per persone in difficoltà, che vengono gestite per emergenze sociali in accordo con le amministrazioni pubbliche del territorio. Sempre nella dimensione “filiera”, Castel Monte pone molta attenzione alle problematiche dell’accesso ai percorsi di welfare sociale e sanitario. Sempre più le prestazioni si riducono di quantità o sono gravate da ticket. Questo impedisce, si stima, ad oltre 5 milioni di persone di accedere alle cure sanitarie. Da tempo e in diverse sedi si sostiene la proposta, come già avviene in altri Paesi europei, di aumentare la protezione con altre forme di integrazione. Tra queste vi sono le diverse formule della sanità integrativa. Il Centro di Medicina di Castelfranco, come diverse struttre e realtà del gruppo, sono convenzionate con le principali mutue erogatrici di servizio. Opera anche direttamente con una collaborazione con al mutua sanitaria Campa (fatta di utenti che si associano per aumentare e integrare le prestazioni sanitarie pubbliche) e con Assitreviso, società di consulenti assicurativi che si occupano con particolare attenzione alle persone e alle tematiche sociali e lavorative.

Questa "filiera" potrà essere ampliata e completata con altre realtà, che nella loro autonomia di governance possono dare risposte qualitative e quantitative importanti. In questo caso si può anche pensare ad una "filiera di welfare territoriale", che tenga conto sia delle professionalità e competenze di eccellenza, sia della cultura e delle tradizioni del territorio. Per questo, all'inaugurazione saranno presenti diversi organismi del terzo settore e del non profit. Saranno presenti anche l'assessore regionale al sociale Remo Sernagiotto, il Sindaco del Comune di Castelfranco Veneto e quello di Montebelluna, dove ha la propria sede operativa il Gruppo.

Il presidente del Gruppo Castel Monte, sul nuovo Centro di Medicina “Castel Monte Salute”, ha dichiarato:  "Qui da alcuni mesi abbiamo dato vita a una nuova e moderna realtà di sanità privata integrativa. Abbiamo messo insieme l'esperienza, in materia sanitaria, del nostro Gruppo cooperativo con la specifica professionalità sanitaria di medici specialisti e nuovi servizi di infermeria ambulatoriale e a domicilio. abbiamo realizzato, in questo modo, una moderna struttura sanitaria fortemente orientata alla persona. Possiamo dire, confortati anche dai giudizi dei nostri clienti, che "Castel Monte Salute" viene concepito come un posto accogliente, vicino e immediatamente disponibile a chi ha bisogno. Siamo in continuità con il nostro impegno cooperativo, che è quello di favorire l'accesso diretto e immediato e nel modo più semplice possibile, ai professionisti della medicina che con noi operano. A loro spetta, insieme alle persone interessate, trovare le risposte più adatte a risolvere le individuali necessità salutistiche. Con "Castel Monte Salute" intendiamo anche relazionarci con la rete di benessere e di welfare locale, nel rispetto delle singole e specifiche professionalità, ma insieme verificare se ci sono le condizioni per rafforzare, nel territorio, i servizi di welfare alle e per le persone. Di questo vogliamo, con l'inaugurazione dei nostri locali di Castelfranco Veneto, dare testimonianza, e nello stesso tempo avviare, nelle forme e modi più consoni, delle collaborazioni specifiche che ci consentano di costruire una rete informale di sussidiarietà per l'erogazione di welfare sociale e sanitario. Proviamo a rendere concreta la suggestione del prof. Stefano Zamagni, che invita la cooperazione sociale e il volontariato a realizzare dei distretti di welfare community, capaci di rispondere alla domanda di nuovo welfare delle persone".

Redazione

@nelpaeseit

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop