logo nelpaese

VIOLENZA DI GENERE: ECCO IL DECRETO LEGGE

Il governo presenta i provvedimenti contro il cosiddetto "femminicidio". I ministri Alfano, Cancellieri e Guerra sottolineano l'importanza di questo Dl. Letta: "un intervento molto duro e molto forte contro il femminicidio un e cambiamento radicale per il nostro paese: un chiarissimo segnale perché vogliamo una lotta senza quartiere". 

 

 

 

Il governo ha presentato il decreto legge che prevede nuovi dispositivi contro la violenza di genere, quello che viene definito "femminicidio". Enrico Letta ha mostrato soddisfazione: "un intervento molto duro e molto forte contro il femminicidio, e'' un cambiamento radicale per il nostro paese: un chiarissimo segnale" perche'' "vogliamo una lotta senza quartier".

Permesso di soggiorno se la vittima è straniera, coniuge violento sbattuto fuori casa e querela irrevocabile. Sono questi i punti principali della task force legislativa. Ecco come ha riassunto il vicepremier e ministro dell'Interno Angelino Alfano:  “Abbiamo deciso di concedere un permesso di soggiorno per motivi umanitari a quei soggetti che subiscono violenze e che siano stranieri. Alle forze di polizia viene dato di buttare fuori di casa il coniuge violento, se c'è un rischio per l'integrità fisica della donna. Dal punto di vista della prevenzione è importante, perchè viene impedito a chi è violento in casa di avvicinarsi ai luoghi domestici”. 

Il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri è intervenuta su un altro punto importante:  "L'irrevocabilità della querela nei confronti del violento è un fatto importante, perchè in passato spesso le donne per difendere i figli rinunciavano alla denuncia. È uno strumento importantissimo, di attenzione all'universo femminile". 

Infine il viceministro del Welfare con delega alle Pari opportunità Cecilia Guerra ha sottolineato come "il governo metta in campo un piano d'azione straordinario contro la violenza sessuale di genere". Si tratta di un piano che agisce in "un campo molto ampio di temi". Intanto sulla "informazione e sensibilizzazione rivolta in particolare a uomini e ragazzi" sara'' coinvolto il settore della scuola e della istruzione che e'' "campo privilegiato di intervento per l''educazione alla relazione". In questa iniziativa, prosegue Guerra, "saranno coinvolti gli enti locali, le Regioni e i Comuni, molto importanti" visto che gestiscono i centri anti-violenza. Infine il premier Enrico Letta ha rivolto anche un "ringraziamento al ministro Idem che ha iniziato questo lavoro". 

G.M.

@nelpaeseit

 

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop