logo nelpaese

IL PRIMO CORSO DI FORMAZIONE PER UN ALZHEIMER CAFE

 

 

E’ aperto il Bando, promosso da UniCredit Foundation ed Associazione Familiari Malati di Alzheimer (AFMA), finalizzato a selezionare 12 realtà non profit (enti, associazioni, cooperative sociali) che vogliano partecipare al primo Corso di formazione teorico-pratico sul funzionamento, tecnico e gestionale, di un Alzheimer Caffè.      

Il Corso intende offrire strumenti concreti e di analisi critica a realtà non profit che vogliano impegnarsi nella gestione di un servizio di Alzheimer Caffè. Nello specifico, saranno forniti elementi relativi sia ad aspetti medici, psicologici e terapeutici relativi all’utenza affetta da demenza, sia aspetti più prettamente gestionali e finanziari relativi all’implementazione ed alla sostenibilità nel tempo di un Alzheimer Caffè.  Obiettivo del Corso è inoltre quello di creare un pool di realtà non profit in grado di ricevere contributi per lo start-up di un Alzheimer Caffè.

 

L’Associazione Familiari Malati di Alzheimer (AFMA) di Verona sta sviluppando uno degli Alzheimer Caffè finanziati attraverso un bando promesso da UniCredit Factoring in collaborazione con UniCredit Foundation. L’associazione si è inoltre aggiudicata un contributo aggiuntivo assegnato nell’ambito dell’iniziativa “Your Choice, Your Project”, attraverso la quale i dipendenti di UniCredit Factoring hanno votato il progetto da loro ritenuto più valido. Fin dalla sua costituzione (1992) l’AFMA si occupa di raggruppare familiari, operatori socio sanitari, badanti, figure professionali e non, coinvolte a vario titolo nella gestione delle persone affette da Malattia di Alzheimer e altre demenze ed esprime i bisogni dei malati e delle famiglie, sia a livello istituzionale-regionale sia a livello amministrativo locale, per sviluppare un’assistenza ai malati centrata sulla dignità della persona.

“Per l’Associazione Familiari Malati di Alzheimer questo seminario è un’importante occasione per diffondere lo spirito con cui l’Alzheimer Caffè nasce, ovvero un luogo di cura e ‘dello stare insieme’ per fronteggiare al meglio la malattia e la sequela di problemi gravosi che il malato e la sua famiglia devono affrontare nel suo lungo decorso - ha affermato Giuseppe Gambina, Responsabile SSO Interaziendale Centro Alzheimer dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Verona - Per realizzare questo obiettivo il programma è stato strutturato per dare le basi teoriche e operative affinché altre Associazioni possano sviluppare nuovi Alzheimer Caffè che, agendo in rete con gli altri nodi assistenziali presenti sul territorio, possano costituire punti di riferimento sicuri per le persone ammalate e i loro familiari”. 

UniCredit Foundation opera da alcuni anni con l'intento di promuovere un modello di Alzheimer Caffè in Italia, attraverso la collaborazione con il Prof. Marco Trabucchi e il Gruppo di Ricerca Geriatrica di Brescia. Questi centri propongono un nuovo approccio alla conoscenza della malattia e del malato e dei suoi bisogni, facendo emergere una visione ‘sociale’ delle demenze, volta a collocare l’ambito biologico del disturbo in una dimensione quotidiana e sostenibile.

L’assistenza a tutto tondo in favore di chi è colpito dalla malattia è la particolarità che contraddistingue gli Alzheimer Caffè, spazi dove i malati e i loro familiari possono fruire di incontri periodici e strutturati e beneficiare dei sevizi di assistenza di cui necessitano. Il bisogno sociale cui gli Alzheimer Caffè vogliono rispondere non si ferma, infatti, alle necessità dell’ammalato, ma abbraccia anche quelle dei suoi familiari, che si trovano ad affrontare, oltre al carico pratico ed economico dettato dalle esigenze dell’assistenza, anche oggettive difficoltà psicologiche dovute al progressivo decadimento fisico e cognitivo dei propri congiunti.

“Ormai da qualche anno, in particolare attraverso la collaborazione con il Gruppo di Ricerca Geriatrica di Brescia – ha aggiunto Maurizio Carrara, Presidente di UniCredit Foundation - abbiamo adottato la scelta strategica di contribuire in modo sistematico alla creazione e al potenziamento di una rete di assistenza per le persone affette da disturbi neurodegenerativi legati all’invecchiamento, offrendo supporto ai familiari dei malati e alle persone che quotidianamente se ne prendono cura. Con la nostra attività vogliamo concorrere a costruire dei modelli virtuosi, che possano essere ripresi da altre realtà, sia  pubbliche che private, perché riteniamo che il problema dell’assistenza agli anziani non autosufficienti sarà una delle emergenze delle nostre comunità nei prossimi decenni" .

Il regolamento del Bando e la scheda di iscrizione sono disponibili sul sito www.unicreditfoundation.orgPer candidarsi occorre compilare il e spedire via mail il modulo di adesione entro e non oltre il 23 settembre 2013 all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Redazione 

@nelpaeseit

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop