logo nelpaese

SPORT E INCLUSIONE, LA FIGC CAMBIA NORMATIVA

 

 

 

"No, tu no". Sino a ieri, questa era la risposta che si sentivano dare dalla Figc i cittadini privi di nazionalità italiana che chiedevano di tesserarsi e di giocare al calcio, in una squadra iscritta alle attività della Federcalcio. Oggi, finalmente, la situazione comincia a cambiare e la Figc modifica sua normativa regolamentare facilitando, in alcuni casi, il tesseramento di calciatori stranieri dai 16 anni (in alcuni casi dai 14), privi di cittadinanza italiana. L’Uisp, insieme ad altre reti associative come “Sport alla rovescia”, da anni avevano cominciato a spingere per un allargamento di queste maglie, divenute anacronistiche e restrittive del diritto all’accesso allo sport . 

“Se lo sport è uno strumento di inclusione, come universalmente riconosciuto dalla Comunità europea e da molti stati membri, che senso ha escludere alcuni cittadini stranieri, residenti nel nostro paese?", si chiede Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp. Che prosegue: “Lo statuto della nostra associazione è ispirato ai principi di uguaglianza e pari opportunità. Per questo le nostre attività, nel calcio e nelle altre discipline, sono aperte a tutti i cittadini italiani e stranieri. Siamo felici che la Figc abbia compiuto questo importante passo in avanti, modificando l’articolo 40 del Noif-Norme Organizzative Interne e snellendo le pratiche di tesseramento anche per i minori stranieri. Ci auguriamo che quanto deliberato dal Consiglio federale della Figc sia un buon inizio del percorso di agevolazione dell’accesso al calcio dei cittadini stranieri. Ci auguriamo altresì che l’esempio della Figc sia seguito anche da altre Federazioni del Coni”.

L’Uisp aveva rilanciato recentemente i temi della cittadinanza sportiva in occasione dei Mondiali Antirazzisti, dove la stessa ministro Cècile Kyenge era intervenuto sottolineando il ruolo positivo dello sport nelle politiche di integrazione.

Redazione

@nelpaeseit

 

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop