logo nelpaese

EURISPES, I DATI: ITALIANI CON LE TASCHE VUOTE

 

 

Perdita del potere d'acquisto per 7 italiani su 10. Il 69,9% degli italiani ha constatato, nel corso dell'ultimo anno, una perdita del proprio potere di acquisto (24,1% "molto" e il 45,8% "abbastanza"). Il 25,1% ha riscontrato invece una riduzione minima della capacita' di fare acquisti attraverso le proprie entrate. Solo il 4,5% non ha dovuto affatto affrontare questo problema.

 

Parsimonia e rinunce: come si modificano abitudini e stili di vita. Su che cosa in particolare risparmiano gli italiani? Se l'84,3% riduce le risorse destinate ai regali, l'81% taglia le spese per i pasti fuori casa e il 75,3% privilegia l'acquisto di prodotti di abbigliamento presso punti vendita piu' economici come grandi magazzini, mercatini, outlet. L'82,9% aspetta i saldi per acquistare. Per quanto riguarda l'acquisto di generi alimentari, si cambia marca di un prodotto se piu' conveniente (75,9%) o ci si rivolge ai discount (58%). Nei casi di recessione, si riducono naturalmente le spese superflue come quelle per il tempo libero (76,8%), i viaggi e le vacanze (72,3%) e l'estetista/parrucchiere (77,8%). In molti (71,6%) tagliano anche le spese per articoli tecnologici. Se gli italiani preferiscono ridurre il superfluo sono pero' restii a fare ricorso al mercato dell'usato (25,9%). Per risparmiare, il 44% effettua acquisti online o utilizza i mezzi pubblici (40,9%) riducendo le spese dell'auto e in particolare quelle della benzina.

Resto a casa, mi conviene. Nel rivedere il proprio stile di vita, gli italiani dichiarano di aver limitato le uscite fuori casa (78,5%) e di andare piu' spesso a pranzo/cena dai propri genitori (41%). Abitudine diffusa anche quella di portarsi al lavoro il pranzo da casa (42,7%). E la casa sta tornando ad essere un luogo di ritrovo, dove ci si riunisce per una cena con gli amici, al posto della pizzeria o del ristorante (66,8%), o semplicemente per guardare un film in dvd/in streaming, piuttosto che andare al cinema (66,6%).

Se costretti a ridurre le spese, non rinuncerebbero ai prodotti alimentari di qualita' (37,2%), agli spostamenti in macchina e in moto (12,6%) e agli abiti di marca (10,1%)

Immigrazione, carcere, matrimoni gay

La maggioranza degli italiani e' favorevole all'abolizione della legge Bossi-Fini in materia di immigrazione. Secondo l'Eurispes, che ha presentato il rapporto Italia 2014, infatti, il 71,9% e' favorevole all'abolizione e alla "conseguente riformulazione di una legge sull'immigrazione".

No a indulto e amnistia. È il pensiero degli italiani, illustrato nel rapporto Italia 2014 dell'Eurispes, secondo cui "e' alto il numero di contrari a proposte di interventi di riforma in tema di amnistia (77,3% contro il 20,7% dei favorevoli) e indulto (71,8% contro il 26,1% dei favorevoli)".

Italiani divisi sulla possibilita' di consentire il matrimonio tra persone dello stesso sesso. È quanto emerge dal rapporto Italia 2014 dell'Eurispes, secondo cui nonostante "il consenso sul riconoscimento di garanzie e diritti alle unioni civili sia largamente condiviso", il Paese "si spacca sull'opportunita' di consentire un vero e proprio matrimonio tra persone dello stesso sesso (i contrari sono il 50,8% contro il 47,7% di favorevoli)". Inoltre "in pochi sostengono la possibilita' di adottare bambini anche per le coppie omosessuali (28,8%). Lo accetterebbe piu' di una persona su 4, ma forse proprio perche' la materia coinvolge i bambini ed e' per questo particolarmente delicata, in Italia continuano a prevalere le resistenze, le perplessita' e i timori".

Redazione (Fonte: Redattore Sociale)

@nelpaeseit

 

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop