logo nelpaese

EPITAFFIO DELLA CRISI

Esodato e pensionata, marito e moglie, suicidi per le difficoltà economiche nelle Marche

 

Uno scarno lancio di agenzia: "Una coppia di coniugi si è suicidata a Civitanova Marche per difficoltà economiche. L'uomo, di 62 anni, e la moglie di 68, si sono impiccati: i corpi sono stati trovati dai vicini di casa, che hanno subito avvisato i carabinieri. L'uomo era un esodato, la moglie aveva una modestissima pensione. Secondo gli investigatori non vi sono dubbi che si sia trattato di un doppio suicidio, e che la cause vanno ricercate nelle precarie condizioni economiche della coppia". Vengono in mente le decine di imprenditori del nord est che di fronte alla chiusura dell'azienda hanno preferito togliersi la vita. O i giovani precari che all'incertezza e al disorientamento hanno scelto la morte. Parlare di un suicidio è sempre complicato e bisogna avere guanti di seta mentre si scrivono parole in merito. Ma il numero dei suicidi in questi anni legati alla perdita del lavoro e alle condizioni economiche non lascia scampo a considerazioni drammatiche sugli effetti di quello che stiamo vivendo. 

Il governo tecnico non ha trovato soluzioni, anzi ha fallito su tutti i fronti. Le elezioni non sono state una soluzione. Il ceto dirigente di questo Paese non sa cosa fare, si affida ai saggi o presunti tali. Per avere risposte sul welfare bisogna fare continui appelli, per avere il credito dalla Pubblica amministrazione bisogna alzare la voce sulle girandole tra Monti e Bruxelles, per avere un governo non si capisce se il Parlamento democraticamente eletto abbia ancora capacità e funzioni dettate dalla Costituzione. 

Si sta perdendo tempo, ma non da un mese. Si sta perdendo tempo dal 2008 quando è iniziata questa la crisi prima e la recessione poi. Nell'immobilismo politico o nella mancata assunzione di responsabilità di chi è alla guida dell'Italia, si è insediato un governo invisibile che arma la mano di persone che hanno perso speranza e futuro preferendo la morte: la crisi celebra senza sosta il suo epitaffio sociale. 

Giuseppe Manzo

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

@nelpaeseit

Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop