logo nelpaese

CI SONO ANCHE BUONE NOTIZIE. PER I DIRITTI UMANI

Non solo guerre, crisi economica e povertà crescente. Amnesty segnala le good news 2012

 

Nell'ultimo editoriale di questo 2012 parliamo di buone notizie. Ed è per questo che lasciamo spazio alla segnalazione di Amnesty International che, a proposito di diritti umani, racconta che nel mondo sono accaduti fatti positivi per i diritti umani. 

Dall'Ecuador all'Italia, dalla Guatemala all'Egitto fino al Messico, l'Iran e tanti altri paesi, numerose sono state le buone notizie sui diritti umani nel 2012. 

Ecuador - Il 4 gennaio 2012 la corte d'appello della città di Lago Agrio, nella provincia di Sucumbios, ha confermato la condanna della Chevron per disastro ecologico e danni alla salute delle parti lese. Nel febbraio 2011 il tribunale aveva ordinato alla Chevron di pagare 8 miliardi e mezzo, ma nella sentenza d'appello l'importo è raddoppiato anche perché la Chevron si è sempre rifiutata di scusarsi pubblicamente, come richiesto dalla sentenza.

Italia - Il 23 febbraio 2012 la Corte europea dei diritti umani ha condannato l'Italia nel caso Hirsi Jamaa e altri contro l'Italia. Il caso riguarda 11 cittadini somali e 13 cittadini eritrei che facevano parte di un gruppo di circa 200 persone intercettate in mare dalle autorità italiane e respinti direttamente in Libia, senza che fosse stata valutata la loro necessità di protezione internazionale: una delle operazioni di intercettamento e rinvio in Libia eseguite dalle autorità italiane nel 2009, a seguito dell'accordo bilaterale tra Italia e Libia allora in vigore.

Guatemala - Il 14 marzo 2012 Pedro Pimentel Rios, estradato dagli Usa nel luglio 2011, è stato condannato a 6060 anni di carcere per aver preso parte al massacro di Dor Erres nel 1982, che provocò la morte di oltre 250 civili. Si tratta del quinto ex militare condannato dalla giustizia guatemalteca per i fatti di Dos Erres: anche gli altri quattro hanno ricevuto una condanna a 6060 anni, equivalente a 25 anni per ogni omicidio.
 
Stati Uniti d'America - Il 25 aprile 2012 il governatore del Connecticut ha firmato la legge che abolisce la pena di morte. Il Connecticut è diventato il 17° stato abolizionista degli Usa.
 
Per leggere tutte le altre notizie continua qui
 
Buon Natale e buon anno a tutti dalla redazione di www.nelpaese.it
 
Proprietario
Logo Legacoop


Via Giuseppe Antonio Guattani 9, 00161 Roma   |   Tel: 06 844 39348   |   Email: segreteria@nelpaese.it
    Registrazione c/o Tribunale di Bologna m° 8367 del 01/12/2014 direttore responsabile Giuseppe Manzo
 
Sito Realizzato da Virtual Coop