Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 19 Agosto 2018

BACK TO FUTURE, INFODAY SUL RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO

Scritto da  Redazione Ott 20, 2016

Venerdì 21 ottobre, a Roma, una giornata informativa sul progetto dedicato al Rimpatrio Volontario Assistito & Reintegrazione dei cittadini stranieri, rivolto a tutti gli attori del Lazio che lavorano a contatto con i migranti.

Si terrà il 21 ottobre dalle 9.30, presso la Sala Igea dell’Istituto Della Enciclopedia Italiana Treccani a Roma, la giornata informativa del progetto “Back to the Future”, dedicato al Rimpatrio Volontario Assistito & Reintegrazione dei cittadini stranieri e finanziato dal programma “Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione.

Il Ritorno Volontario Assistito è una misura attuata dal governo italiano in favore dei cittadini di Paesi terzi ed offre la possibilità di ritorno nel proprio Paese di origine a coloro che lo desiderano, in modo volontario, spontaneo e consapevole.

“Back to the Future”, ha detto Cristina Montefusco, project manager del progetto, “offre ai migranti un servizio gratuito in tutta Italia di supporto nel percorso di rientro, nel rispetto della loro dignità e sicurezza. Il programma si sviluppa in quattro fasi ovvero lo scambio di informazioni, il colloquio e la valutazione del caso da parte dell’operatore, l’elaborazione di un piano personalizzato di reintegrazione, che tiene conto delle capacità e delle aspettative del migrante, e l’accompagnamento nella realizzazione del piano nel Paese di origine”.

“Il rientro in patria rappresenta quindi un’opportunità concreta per il migrante, sostenuta con l’erogazione di beni e servizi, per ripartire con una nuova progettualità di vita. Il progetto intende capitalizzare l’esperienza migratoria del migrante nell’avvio del suo progetto di vita, personale ed economico nel proprio paese di origine, valorizzandone le specificità locali, anche in un’ottica di migrazione circolare”.

“Il progetto Back to the Future”, ha continuato Montefusco, “si avvale, inoltre, di un’ampia rete costituita dai partner - Ricerca e Cooperazione, Movimento per l’Autosviluppo l’Interscambio e la Solidarietà (Maìs), COCIS, Re.Te. Ong – e da diversi soggetti internazionali attivi nella cooperazione allo sviluppo che accompagneranno i migranti nei paesi d’origine e daranno un contributo decisivo ai Piani di reintegrazione”.

“Crediamo fortemente in questo progetto”, ha dichiarato Paolo Bernabucci, presidente del Gus (Gruppo Umana Solidarietà) che promuove l’evento, “così come nella collaborazione tra tanti enti e organizzazioni, tutti coinvolti nel creare condizioni concrete e credibili al ritorno nei Paesi di origine di chi avrà scelto volontariamente di farlo. Gran parte delle risorse, economiche e umane, sono infatti dedicate all'accompagnamento e affiancamento nei Parsi di provenienza, perché chi sceglierà di tornare non sia uno sconfitto ma, invece, colui che ha una nuova opportunità di un futuro con la sua famiglia, nel suo Paese”.

L’infoday nazionale del 21 ottobre è promosso dal Gus (Gruppo Umana Solidarietà) con il patrocinio del I Municipio di Roma e dell’Istituto dell’Enciclopedia italiana Treccani, è rivolto a tutti i professionisti e agli attori territoriali del Lazio che nel lavoro quotidiano sono a diretto contatto con i migranti.

Redazione 

@nelpaeseit

 
 
 
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Agosto 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31