Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 22 Settembre 2018

Un fermo immagine del cortometraggio Un fermo immagine del cortometraggio

"QUESTO È LAVORO": ALLA CASA DEL CINEMA DI ROMA ARRIVA IL CORTO DI PARSIFAL In primo piano

Scritto da  Redazione Feb 12, 2018

Un uomo deve sbrigare un affare proprio nel weekend che avrebbe dovuto trascorrere con sua figlia. La porta con sé. Il viaggio ridesta tutte le loro distanze ma alla fine riesce a ricomporre il rapporto tra i due. Anche grazie all’incontro con le persone di una cooperativa sociale, che senza troppe parole riescono a trasmettere i propri valori anche a chi vorrebbe mandarli via. Un viaggio fisico in tre regioni italiane, ma anche un viaggio nei rapporti complicati tra un padre e una figlia.

Sono questi due percorsi intorno ai quali si costruisce la trama di “Questo è lavoro”, cortometraggio del 2017, firmato Save the Cut e prodotto dal Consorzio Parsifal. Raro esempio, in Italia, di branded content, la storia ci racconta l’arco di trasformazione di Massimo, consulente d’affari per grandi realtà immobiliari, alle prese con una cooperativa di disabili da spostare, per far posto ad un hotel di lusso.

Questo viaggio di lavoro sarà per lui l’occasione di guardarsi dentro e di aprirsi finalmente a nuovi punti di vista sulla vita. Detonatore di questo processo è ovviamente Carolina, figlia appena diciottenne, che anziché iscriversi all’università vorrebbe dedicare un anno al servizio civile in un asilo nido.

“Servizio civile? Vuoi buttare un anno?”. Questa la reazione di Massimo. Questo progetto è nato dall’idea di raccontare una storia capace di veicolare i valori della cooperazione sociale, oggi talvolta messi in discussione. L’obiettivo non è quello di promuovere questo o quel servizio, questa o quella cooperativa, ma di richiamare l’attenzione collettiva sui principi che sono alla base della cooperazione: la legalità, la lotta alle mafie, la capacità di riabilitarsi attraverso il lavoro, la dignità dell’essere più fragile, la ricchezza di dedicarsi agli altri.

Il video è stato girato realmente nei territori citati: la Sardegna, il Lazio e l’Abruzzo. Il taglio di regia che è stato scelto va nella direzione di un prodotto dai toni realistici, a sprazzi ironici. Quasi tutte le figure coinvolte, tranne i ruoli principali, non sono attori ma sono persone realmente occupate in attività di cooperazione sociale, nell’ambito dei diversi servizi ricoperti dal Consorzio Parsifal sui territori. La fase di scrittura è durata oltre un anno. Gli sceneggiatori hanno dialogato con i responsabili dei servizi, sono stati in loco per toccare con mano le diverse situazioni e poterle raccontare nel modo più credibile possibile. La stessa fase di shooting, durata circa due settimane, è stata come un grande laboratorio, che ha visto lavorare insieme la troupe di Save the Cut e gli operatori del Consorzio, che a tratti sono stati aiutanti scenografi, assistenti di produzione, persino editor della sceneggiatura.

Ne è venuto fuori un cortometraggio dal sapore insolito: una storia normale, priva di sensazionalismi, ma capace di raccontare come l’aprirsi agli altri possa essere la chiave per una società di buone relazioni e di fiducia. L’evento di presentazione.  Alla fine di questo lungo percorso di produzione, il Consorzio Parsifal, insieme a Save the Cut, proietteranno il cortometraggio nella splendida cornice della Casa del Cinema, a Roma, giovedì 22 febbraio alle 19.30.

“L’idea è quella di un evento-incontro, di circa due ore, in cui gli autori, gli attori e i protagonisti possano raccontarsi e raccontare il filo rosso che dal soggetto inziale ha portato alla versione definitiva del corto. Un’occasione per creare un focus, originale e diverso, sui temi che ci stanno a cuore, rintracciandoli nella storia che abbiamo raccontato. Immaginiamo una breve introduzione che apra l’evento, e poi la proiezione del cortometraggio. A seguire la testimonianza dialettica degli autori e degli attori principali, che racconteranno aneddoti e significati di un progetto di questo tipo. Su tutti, l’attore romano Pietro De Silva, noto al grande pubblico per la partecipazione al film Premio Oscar la Vita è bella e per numerosi altri film, campioni d’incasso al botteghino. Con lui una delle promesse del cinema italiano, Martina Querini”.

Prenderanno parte alla serata anche il Presidente di Legacoop Nazionale, Mauro Lusetti, la Presidente di Legacoopsociali, Eleonora Vanni, e il Presidente di Legacoop Lazio, Placido Putzolu. L’ingresso è libero.

 

L'ultima modifica Lunedì, 12 Febbraio 2018 10:52
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Settembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30